Il tornaconto secondario in Freud

“…Freud non solo non proponeva alla comunità dei clinici una concezione del sintomo in cui fosse presente solo la sofferenza senza alcuna soddisfazione, ma addirittura sosteneva che nel sintomo sofferenza e soddisfazione sono una cosa sola, e che la sofferenza non sia separata e distinta dalla soddisfazione, al contrario non è che la sua trasformazione, non è che la maschera paradossale della soddisfazione. Ed è questo il punto che ha fatto scandalo…”

Il tornaconto secondario in Freud, Maurizio Mazzotti, 2010

Rispondi