L’attacco di panico

L’attacco di panico ci travolge somaticamente nei momenti all’apparenza più insospettabili di coincidenza col nostro essere tutt’uno col corpo. Improvvisamente, la spaccatura fra corpo ed essere ci mostra totalmente succubi di un corpo che fino a qualche secondo prima sembrava venire dove volevamo noi. Qualche secondo dopo ci insegna che è lui a portarci o a bloccare il nostro cammino. Fino a un attimo prima eravamo tutt’uno col nostro respiro e, subito dopo, è il corpo che ci respira e ci soffoca”.

Quando il corpo appare in queste condizioni è simile al trauma. Ci trova sempre impreparati! Una volta attraversata un’esperienza importante di sopravvento da parte del proprio corpo, si costruisce anche una memoria traumatica che alimenta circoli viziosi di carattere inibitorio. Il problema di chi ha avuto un attacco di panico, tanto quanto quello dell’infartuato, è la “paura di avere paura” che esaspera il rapporto assoluto di non proprietà con il corpo.”

Riccardo Marco Scognamiglio, Psicologia psicosomatica, Franco Angeli Editore

Commenti

2 comments on “L’attacco di panico”
  1. Raffaella bernasconi ha detto:

    Chiedo scusa… Mi ridite gentilmente a che ora si terrà l incontro e dove? Grazie

    1. Gentile Raffaella,
      purtroppo ho visto solo adesso il suo messaggio e mi scuso per il mio ritardo, spero che sia riuscita comunque a trovare le informazioni.
      La invito a consultare il nostro sito http://www.somatologia.it per avere una panoramica completa e aggiornata dei nostri eventi e dei nostri servizi.
      Grazie e buona giornata.

      Francesca L. Colombo
      Dir. Editoriale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...